TIRO A VOLO - 4 assi per i Mondiali di Mosca

FEDERAZIONI

TIRO A VOLO - 4 assi per i Mondiali di Mosca

Arianna Perilli, Alessandra Perilli, Manuel Mancini e Gian Marco Berti sono a Mosca per prendere parte al Campionato del Mondo di tiro a volo. I quattro moschettieri sammarinesi (trap femminile e trap maschile) già oggi hanno avuto la possibilità di testare le pedane del Moscow Region Shooting Range. I nostri atleti saranno in gara per le prime serie venerdì mattina dalle 8.30. Sabato la finale femminile alle 17 locali ( 16 a San Marino) e domenica quella maschile in programma alle 17.30 locali (le 16.30 a San Marino). La Nazionale sammarinese è guidata dal tecnico Luca Di Mari. Sono 149 atleti gli atleti di 46 differenti nazioni che prendono parte alla gara maschile; mentre 68 di 32 nazioni saranno al via della gara femminile. Sammarinesi al via anche nel mixed trap, gara a coppie mista alle quali prenderanno parte due coppie biancazzurre.

Gian Nicola Berti (Presidente FSTV): "Andiamo a gareggiare con tanta umiltà alla fine di un anno importante, denso di risultati positivi sui quali spicca il titolo europeo di Arianna Perilli,siamo consapevoli che le nazioni che possono mettere in campo atleti professionisti sono più forti ed attrezzate. Noi saremo pronti a cogliere ogni occasione che i nostri avversari ci lasceranno, come abbiamo saputo fare già in altre competizioni. I ragazzi stanno bene e sono pronti a dare il massimo, le ragazze ance, consapevoli che la gara femminile è breve e basta un nulla per restare fuori dalla finale. I ragazzi si trovano di fronte ad un traguardo importante anche in chiave di proiezione futura. Nuova ed interessante la gara a coppie mista. Si tratta di un evento nuovo, ancora in via sperimentale, fortemente voluto dal CIO e destinato a diventare specialità olimpica da Tokio 2020. Nel mixed Trap, in cui schiereremo due coppie, siamo competitivi. In ogni caso alla base di un risultato positivo nel tiro a volo c’è sempre la serenità degli atleti, del gruppo ed un’adeguata preparazione. Al riguardo devo dire che in questo, grazie anche al lavoro di Luca Di Mari, siamo alla pari dei big mondiali”.