ATLETI D'INTERESSE NAZIONALE

ATLETI D'INTERESSE NAZIONALE

ATLETI D'INTERESSE NAZIONALE

GLI ATLETI DI INTERESSE NAZIONALE - PROBABILI OLIMPICI

ALEX DE ANGELIS
Nato a Rimini il 26 Febbraio 1984. Già da diversi anni fa parte della rosa degli Atleti d’Interesse Nazionale. Dopo la nona posizione in classifica generale del 2002 nella classe 125, Alex nel 2003 è salito alla ribalta del motociclismo internazionale conquistando il titolo di Vice-Campione Mondiale. Una seconda posizione acquisita dopo un’ottima stagione, grazie soprattutto a sei terzi posti. Nel 2004 ha chiuso quinto nella classe 250 e settimo nel stagione 2005 con due terzo posto, mentre per ben due volte è salito sul secondo gradino del podio. Sicuramente unico rimpianto per Alex è aver mancato il primo posto in un Gran Premio, sfiorato in più circostanze. Nel 2008 Alex De Angelis è il primo pilota sammarinese a correre in MotoGp, la classe regina del motomondiale. De Angelis nell'agosto del 2009 ottiene nel Gran Premio degli Stati Uniti il primo podio in MotoGP della sua carriera. Nel 2010 approda alla nuova classe: la Moto2, lo farà con un team tutto sammarinese e con l'obiettivo di vincere il titolo mondiale. Purtroppo i programmi vengono fermati dai problemi economici che costringono il team al ritiro. De Angelis passa allora in MotoGp per alcune gare sulla Honda del Team Interwetten per poi chiudere la stagione nuovamente in Moto2 con la MotoBi del Team JIR. Il binomio De Angelis-JIR è un vero e proprio successo, negli ultimi sei gran premi mette insieme risultati che nessun altro concorrente riesce ad eguagliare. All’apice la vittoria nel Gran Premio d’Australia.
Nel 2011 corre l’intera stagione con il Team JIR in Moto2 poi passa al Team Forward sulla cui moto disputa il Campionato del Mondo Moto2.
Nel 2012 e nel 2013 resta in Moto2 rispettivamente con la Suter e con la Speed Up mentre nel 2014 affronta il Mondiale Moto2 sulla moto del Team Tasca Racing.
Nel 2013, in occasione del Gp degli Stati Uniti è tornato a correre su una Ducati MotoGP per sostituire il pilota titolare infortunato.
Il ritorno in MotoGp è definitivo dall'agosto 2014, quando il team Forward lo richiama per prendere il posto di Colin Edwards, dopo il suo addio alle gare. Terminata la stagione, De Angelis trova poi l'accordo con il team Octo Iodaracing, con il quale si presenta al via del Campionato del Mondo 2015.

ALESSANDRA PERILLI
E’ nata a Rimini il 1 aprile del 1988 da una famiglia di tiratori. All’età di 15 anni decide di seguire le orme di papà Claudio e della sorella Arianna, che all’epoca faceva parte della Nazionale italiana. Nel 2008 scende in campo per la prima volta una competizione ufficiale internazionale. Esordisce all’Europeo Junior di Nicosia dove conquista la medaglia di bronzo, ma è nel 2009 che esplode come atleta, conquistando la medaglia d’argento nella prova di Coppa del Mondo svoltasi a San Marino, l’argento ai Giochi dei Piccoli Stati di Cipro e il bronzo ai Giochi del Mediterraneo di Pescara. L’anno della consacrazione è il 2011, quando nelle prime due tappe di Coppa del Mondo, andate in scena a Conception e Sydney, conquista la medaglia d’oro e il pass olimpico per le Olimpiadi di Londra. Proprio ai Giochi Olimpici del 2012, dove Alessandra è anche portabandiera biancazzurra, ottiene il miglior risultato sammarinese di sempre chiudendo al quarto posto, vedendo sfumare una storica medaglia solamente al "barrage". L’anno successivo conferma la medaglia di bronzo ai Giochi del Mediterraneo di Mersin.
Nel 2014, pochi mesi dopo aver dato alla luce il piccolo Maykol, a giugno torna sul podio in Coppa del Mondo a Monaco di Baviera, aggiudicandosi la medaglia di bronzo allo shoot off con la sorella Arianna.
Nel 2015, nella seconda prova di Coppa del Mondo ad Al Ain, si mette al collo la medaglia d’argento e conquista la carta olimpica per Rio 2016. Nel mese di giugno, in occasione della prima edizione dei Giochi Europei a Baku, conquista insieme a Manuel Mancini la medaglia di bronzo nella gara di trap misto a coppie, sperimentata per la prima volta in vista delle Olimpiadi di Rio de Janeiro. Nel mese di ottobre vince la finale di Coppa del Mondo a Nicosia, aggiungendo la Coppa di Cristallo alla sua già ricca bacheca.
Nel 2016 apre la stagione con la conquista della semifinale alla Coppa del Mondo di Nicosia, dove chiude quinta e, all’Europeo di Lonato, i primi di luglio, si arrende nel bronze medal match, chiudendo al 4° posto (come nel 2009 e 2013).
Per ben tre volte è stata insignita del riconoscimento di “Atleta dell’Anno” dal Comitato Olimpico Nazionale Sammarinese nel corso della serata San Marino Sport Awards .


MANUEL MANCINI
Tiro a volo, trap.
E’ nato a San Marino il 20 ottobre 1982 e inizia la sua carriera agonistica all’età di 18 anni. Nel 2013 vive la sua miglior stagione. Ai Giochi dei Piccoli Stati il Lussemburgo, dopo aver primeggiato nel primo giorno di qualificazioni, centra la finale per il bronzo, medaglia persa allo shoot off; qualche settimana dopo, ai Giochi del Mediterraneo, realizza il punteggio record di 125/125 in qualifica, ma in finale, a causa di qualche errore di troppo, si dovrà accontentare del 6° posto. Lo stesso anno partecipa ai Mondiali di Lima dove resta fuori dalla finale con 120/125, dopo aver guidato la classifica fino ai 75 piattelli.
Nel 2014 gareggia alla Coppa del Mondo di Monaco di Baviera, dove chiude con 121/125, e al Campionato Europeo in Ungheria dove, con 119/125, rimane fuori dalla finale per un piattello.
Ai Giochi Europei di Baku, andati in scena nel mese di giugno del 2015, sale per la prima volta in carriera sul podio in una gara continentale, mettendosi al collo insieme ad Alessandra Perilli la medaglia di bronzo nella gara di trap misto a coppie.

STEFANO SELVA
Tiro a volo, trap.
E’ nato a San Marino il 24 agosto 1969. Si è affacciato alle gare internazionali nel 1990, conquistando una medaglia d’argento ai Giochi del Mediterraneo di Languedoc – Roussillon nel 1993, seguito dai bronzi ai Giochi dei Piccoli Stati nelle edizioni del 1997, in Islanda, e in quella casalinga del 2001. Negli anni successivi ha sparato sempre a buoni livelli, ma è soprattutto negli ultimi tre anni che torna alla ribalta, conquistando la finale alla Coppa del Mondo di Lonato, nel 2012, dove ha chiuso al 5° posto. Nel 2013 dimostra di essere subito in un ottimo stato di forma, ma ai Giochi dei Piccoli Stati in Lussemburgo, dopo una buonissima prima giornata chiusa al 3° posto, centra la finale ma non riesce a lottare per le medaglie, chiudendo al 6° posto; ai Giochi dei Piccoli Stati di Mersin rimane invece fuori dalla finale. Lo stesso anno, al Campionato Europeo di Suhl, realizza un buonissimo 120/125, rimanendo fuori dalla finale per 2 piattelli.
Nel 2015, dopo essere rimasto fuori dalla finale allo shoot off in occasione della Coppa del Mondo di Larnaca (chiuderà 8°), al Campionato Europeo di Maribor di fine luglio affronta il medal match per il bronzo, chiudendo 4°, mettendosi in tasca la carta olimpica per Rio 2016.

LETIZIA GIARDI
Letizia Giardi è nata a San Marino il 18 settembre 1994. Ha iniziato a giocare a tennistavolo all’età di 10 anni, attualmente è n. 751 delle classifiche mondiali e n. 31 di quelle nazionali italiane, gioca in serie A2 femminile per il TT Alfieri di Romagna Forlì, si allena quotidianamente presso il Centro Federale FSTT di Galazzano sotto la guida del tecnico Claudio Stefanelli. Nonostante sia ancora giovanissima ha già nel suo palmares diverse medaglie conquistate ai Giochi dei Piccoli Stati d’Europa, iniziando da Cipro 2009, dove ha vinto un argento in doppio femminile ed un bronzo nella gare a squadre; in Liechtenstein, nel 2011, ha poi vinto una medaglia di bronzo nel singolare ed infine in Lussemburgo 2013 ha conquistato una prestigiosa medaglia d’argento nel singolare e due medaglie di bronzo, una nella gara a squadre e l’altra nel doppio femminile. E’ arrivata terza nei Campionati Italiani Juniores a squadre sia nel 2011 che nel 2012; ha inoltre vinto la medaglia di bronzo sempre nei Campionati Italiani nel 2013 nella categoria under 21. Ha infine vinto diversi Tornei nazionali di quarta e terza categoria, cogliendo anche diversi podi in Tornei nazionali assoluti di seconda categoria e giovanili.


EUGENIO ROSSI
Nato il 6 marzo 1992, è la nuova stella dell' atletica sammarinese. La sua specialità è il salto in alto.
Nel 2011 ha migliorato il record sammarinese superando l'asticella posta a 2.15.
Ha conquistato per 2 volte la medaglia d'argento ai Giochi dei Piccoli Stati: in Liechtenstein nel 2011 ed in Lussemburgo del 2013. Nel 2013 ha partecipato anche ai Giochi del Mediterraneo a Mersin, dove ha superato l’asticella posta a 2.10.
Nel 2014 la sua stagione parte alla grande con la conquista del titolo di Campione Italiano salto in alto indoor categoria Promesse (Under 23) ad Ancona, dove si è imposto con la misura di 2.14 m, stabilendo anche il nuovo record sammarinese indoor. Poche settimane dopo si è classificato 10° ai Campionati Italiani assoluti.on il nuovo record sammarinese assoluto di salto in alto.
Non solo, i primi di maggio il forte atleta sammarinese ha stabilito il nuovo primato sammarinese outdoor di salto in alto con la misura di 2.20 metri al Meeting Nazionale Città di Palmanova vincendo nettamente la gara (il precedente record era di 2.15 metri). A giugno il saltatore biancazzurro vive un momento particolarmente felice: prima si laurea Campione Italiano Promesse (Under 23) outdoor a Torino, innalzando il suo personale, nonché record sammarinese, a 2.21, poi conquista la medaglia di bronzo ai Campionati del Mediterraneo Under 23 in Francia; infine,il 21 giugno, vince la medaglia d’oro in Coppa Europa 3 th League con i colori della nazionale sammarinese e dell’AASSE (Associazione Atletica Piccoli Stati d’ Europa) a Tblisi, centrando la notevole misura di 2.24, ritoccando il record personale e quello sammarinese. Il 2015 si apre con altre belle soddisfazioni. Dopo essere stato premiato come “Atleta dell’anno 2014” durante la serata di Sportinsieme Awards 2015, a fine gennaio s’impone al Meeting Nazionale Indoor di Pordenone saltando 2,22 metri e, poche settimane dopo, è salito sul terzo gradino del ai Campionati Italiani Assoluti Indoor a Padova con la misura di 2,18. Successivamente si è classificato al 16° posto ai Campionati Europei Indoor a Praga superando l’asticella posta a 2,19 metri.
A inizio giugno si mette al collo un'altra medaglia d'argento ai Giochi dei Piccoli Stati in Islanda, con la misura non esaltante di 2.15 mt, poi confermata ai Giochi Europei di Baku, dove chiude 6° nella gara di Terza Divisione. Al rientro dall'Azerbaijan, però, Eugenio fa subito registrare un 2.27 mt, che diventa il suo nuovo personale, alla gara di Caprino Veronese. Agli Italiani Assoluti di Torino, invece, chiude 4°.
Nel giugno del 2016 conquista la medaglia d'argento ai Campionati Italiani Assoluti a Rieti, saltando 2.26 mt.

ARIANNA PERILLI
E’ nata a Rimini il 1° maggio 1978 e, seguendo le orme di papà Claudio, ha iniziato a sparare a soli 14 anni. A 15 anni viene convocata dal CT della Nazionale italiana Carlo Danna per il suo primo Europeo, vinto a squadre.
Nella sua lunga carriera ha ottenuto numerosi risultati di rilievo, con l’argento nel double trap in Coppa del Mondo a Lima, nel 1996, e i due Campionati Europei di fossa olimpica vinti nel 2005, a Belgrado, e nel 2006, a Maribor.
Dal 2013 veste i colori della Nazionale Sammarinese, di cui con orgoglio ne ha acquisito la Nazionalità sportiva, rappresentando una delle pochissime atlete ad aver gareggiato in gare Internazionali per due Nazioni.
Tra il 2014 e i primi mesi del 2015 colleziona tre finali in Coppa del Mondo. A giugno 2015, nella prima edizione dei Giochi Europei a Baku, accede alla finale per l'oro nella gara di trap femminile, dove si deve accontentare del secondo posto. La conquista dell'argento, però, vale la conquista della carta olimpica per Rio 2016, dove gareggerà al fianco della sorella Alessandra.

KARIM GHARBI
E’ nato il 5 gennaio 1992. Pratica judo da quando aveva solo sei anni, ma la sua carriera agonistica ha avuto una svolta decisiva intorno ai 16 anni, in seguito ad un notevole sviluppo fisico. Nel 2008 conquista la prima medaglia e la cintura nera ai Campionati italiani Under 17 (bronzo) e, da allora, ha vinto il Gran Prix Italia Juniores nel 2010 e, tra il 2010 e il 2012 ha vinto tre medaglie ai Campionati Italiani Junior e Under 23 (un argento e due bronzi), in tre categorie di peso differenti.
Nel 2013, ai Giochi dei Piccoli Stati in Lussemburgo, sorprende tutti mettendosi al collo la medaglia d’oro.
L’estate successiva conquista un prestigioso 7° posto in Coppa Europa (vincendo quattro incontri) ed entra così nel ranking mondiale.
Nel giugno 2015 torna sul podio ai Giochi dei Piccoli Stati in Islanda: questa volta è argento, ma sulla sua gara pesa un grave infortunio alla spalla, che lo porterà a saltare l'appuntamento con i Giochi Europei di Baku per operarsi.

LE FOTO